Perversione e possesso

“La vita non imita l’arte. Imita la cattiva televisione.” Woody Allen   Perversione: Perversum, deviato, stravolto. Ideazione e perseguimento di comportamenti distorti rispetto al senso comune. E come dici “perversione” il cervello spara “sessuale”. Pensa come siamo ridotti che in quello che dovrebbe essere un universo di libertà e goduria, automaticamente pensiamo che ci sia un…

Continua a leggere Perversione e possesso

Rossetto

E’ inquieta, scomoda dentro se stessa, non si ritrova più in alcune vecchie scelte, non le piacciono più i suoi vestiti e tante volte durante il giorno il suo pensiero vola senza approdare da nessuna parte. E’ andata  in farmacia, non perché ci fosse nessun malato, ma perché le farmacie sono diventate il luogo più…

Continua a leggere Rossetto

Pizzetto e lo specchietto

Sto arrivando, mancano sei isolati e arrivo a scuola, parcheggio, prendo le bimbe e si va dal dentista. Due anni di succo di limone ogni mattina hanno reso lo smalto dei miei denti poroso come un panno Vileda. Mate, caffè e vino rosso hanno fatto il resto. Guido e rumino pensieri. Penso alle vacche findelmondane:…

Continua a leggere Pizzetto e lo specchietto

Poesia per l’ascensore

Caro passeggero che ogni mattina prima delle sette mi precedi in ascensore in un atto di profonda tolleranza e della lingua italiana non avendo padronanza ho deciso di tentare non la scontata via dell’insulto ma di poeticamente parlarti. Premo il pulsante speranzosa che oggi sarà un giorno diverso che allo spartirsi delle sue gelide porte…

Continua a leggere Poesia per l’ascensore

Guida di sopravvivenza all’analisi lacaniano

Che findelmondana sarei senza anni, variegati e pittoreschi, di analisi? Gli argentini sono grandi collaudatori di divani psicanalitici. Sempre sull’orlo della disperazione o l’esaltazione gioiosa, sono famas e cronopios ben disposti a sdraiarsi e parlare di sè un’ora alla settimana dallo psicanalista. Ma la seduta in classico stile lacaniano, per i non addetti ai lavori, può essere…

Continua a leggere Guida di sopravvivenza all’analisi lacaniano

Parole che ci portano per mano

Anni fa ricevo una chiamata, numero sconosciuto, ma qualcosa mi dice di rispondere. Era la gentilissima e capace signora dell’ufficio cittadinanza. Mi dice che ci sono delle piccole incongruenze (dopo nove anni di porta e riporta documenti, firme e timbri) in diversi certificati di mia nonna, ma che possono diventare grandi impedimenti anche se si…

Continua a leggere Parole che ci portano per mano

L’umanità in panchina

“A volte mi manchi così tanto che credo di non farcela. Poi ce la faccio, ma mi manchi lo stesso.”  Charles Bukowski   Devo aspettare un’ora che le bimbe escano di danza. E’ giovedì sera e sembra primavera, i bar mettono i tavolini fuori e nei balconi interni si iniziano a vedere panni stessi. Mi…

Continua a leggere L’umanità in panchina

Leggere o non leggere

“Non può essere che siamo qui per non poter essere” Julio Cortazar   Ho cancellato le applicazioni social sul telefono. Il male non sta nelle le cose, ma nell’uso che le dai, dice la saggezza popolare, sia che si parli di droghe, grassi saturi, parenti di primo grado o applicazioni sul cellulare. Allora diciamo che le…

Continua a leggere Leggere o non leggere

Una corsa da teppista

Sono un polpo. Un polpo dai tentacoli non coordinati da nessun centro intelligente, decine di tentacoli con obiettivi diversi e senza nessuna esperienza nel raggiungere il loro scopo. Sono perciò di pessimo umore. Tento di scrivere e nel (non) farlo mi mangio una pagnotta di pane a lievitazione naturale con prosciutto crudo. E va bene,…

Continua a leggere Una corsa da teppista