Attacco di panico

Dio Pane, da quando è stato sconfitto per la prima volta, vaga alla ricerca di rifugio, cerca una crepa dove infilarsi, uno spiraglio di fragilità. E' quello che torna all’attacco col coltello in bocca la notte dopo che è stata dichiarata finita la guerra. Ma non è cattivo. E’ solo stronzo. E passa.

Continua a leggere Attacco di panico

Da bella a bestia

Il corso pre-parto è una di quelle cose necessarie che abbiamo creato per tentare di risolvere, in un mese, il corso anti-parto che abbiamo sostenuto per tutta la vita. Vedi,  bambina, che guardi da qualche stella: un giorno (o una notte) nascerai, e se sarà in ospedale, non avrai ancora sentito il profumo della tua mamma…

Continua a leggere Da bella a bestia

Circo

Può capitare che un undici novembre ti alzi a prendere il sale, sempre il sale manca, e che  quando ti sieda ti piova un uomo dal terzo piano, quello dei negozi di elettronica, e ti cada a due metri. Tu sei di schiena e senti solo un rumore diverso, cassetta di legno schiacciata mischiato a…

Continua a leggere Circo

Magre consolazioni

Quella mattina mia madre mi chiese di andare a comprare il pane. Presi la borsa, quella di tessuto a quadretti bianchi e blu, e camminai fino all’angolo, svoltai a destra, e dopo un isolato e mezzo attraversai ancora. Entrai in panetteria cullando le briciole rimaste nel sacco, camminai fino in fondo fino al bancone, e porgendo…

Continua a leggere Magre consolazioni

Piccola storia metropolitana

Scese dal tram con la spigliata risolutezza di chi è appena uscita dal parrucchiere con un biondo cenere e messa in piega. Attraversò la strada e camminò a passi lunghi i metri che la separavano da lui che l’aspettava puntuale. Non lo baciò né gli sorrise,  lo guardò negli occhi e gli disse “Non voglio…

Continua a leggere Piccola storia metropolitana