Parole in estinzione

Sapevo che stavamo arrivando quando guardando fuori dal finestrino, dopo chilometri di niente, vedevo una luce. La prima luce di una piccola casa sperduta nella campagna era per me la porta d’ingresso al paese. Dopo qualche chilometro, un altra luce. E da lì in poi i chilometri tra una luce e l’altra erano sempre di…

Continua a leggere Parole in estinzione

Puttane in rivolta.

I giornalisti italiani si sono molto offesi e indignati dopo che Luigi di Maio, Vice presidente del Consiglio dei Ministri, dicesse che  erano tutti “puttane e penivendoli”. Che qualcuno competente se ne occupi dell’analisi politica. Io volevo segnalare come la comparsata del linguaggio inclusivo ha rovinato un insulto. Sarebbe stato più efficace dare a tutti…

Continua a leggere Puttane in rivolta.

Meno followers. Più tifosi.

Dicono che pregare, insultare e contare, venga meglio nella propria lingua. E  così ora mi viene benissimo insultare, nella mia lingua madre, la madre che partorì questa logica, questo meccanismo per il quale sembra sia così importante imparare questo nuovo linguaggio. Del linguaggio di internet, parlo. Di instragram, twitter, followers, target, white list, trend topic, social visbility,…

Continua a leggere Meno followers. Più tifosi.

Stupida paloma

Negli anni ottanta in Argentina c’era la moda di liberare colombe. Festa scolastica di fine anno, inizio del campionato di calcio di serie C o processione pasquale che fosse – dove infilavano anche la comunione e confermazione, con quello spirito economico del giacché vai porta anche questo – ad un certo punto qualcuno, se possibile abbastanza innocente,…

Continua a leggere Stupida paloma

Ojalá fuera retórica

Jonatan duerme en una pequeña cosa con las paredes torcidas, el techo de chapa, y el piso de tierra adornado con azulejos encontrados por ahí. Una cortina separa a él y a sus hermanos  de la cama de mamá y papá, donde los escucha hablar, pelear, reír, gritar y hacer el amor. Al lado de…

Continua a leggere Ojalá fuera retórica

Magari fosse retorica

Jonatan dorme in una piccola casa con i muri storti, il tetto di lamiere, e il pavimento di terra battuta maculato di piastrelle trovate in giro. Una tenda separa lui e i fratelli e sorelle dal letto di mamma e papà, dove li sente parlare, litigare, ridere, urlare e fare l’amore. Accanto alla sua casa…

Continua a leggere Magari fosse retorica

Arquero

“Te largan a la cancha sin preguntarte si queres entrar. Por si fuera poco, de golero: toda una vida tapando agujeros.” Brindis por Pierrot – Jaime Ross Mis hermanos mellizos jugaban al futbol. Uno y dos, arquero y defensor (del arquero). Me llevaban a ver los partidos. Nos sentábamos en los grandes escalones de cemento desde los…

Continua a leggere Arquero

Carta a Paraná

Son ya las nueve y media, lástima. Quería levantarme temprano, aprovechar al máximo cada segundo que me queda con vos. Hago el café, pongo el agua para el mate,y abro las ventanas, es una mañana fresca de verano, y sin una nube. Acá afuera las chicharras no me van a dejar escuchar el ruido de…

Continua a leggere Carta a Paraná