La vida es lo mejor que conozco

Mercedes Viola

Archive for the category “amor”

Con los partidos del mundial me pasan cosas

A mi el fútbol no  me importa nada. Menos que nada, si es posible. Ni siquiera me molesta. Pero con los partidos del mundial me pasan cosas. Basta mirar las tribunas, los livings, los bares, para ver que cada uno tira afuera lo que se venía guardando, y está quien llora a gritos y moco tendido, quien grita “¡cornudo!” con fervor, los que cantan abrazados saltando a ritmo, besan banderas, remeras,se  agarran a trompadas, sufren por  los derrotados, crean alianzas, recuerdan mundiales pasados; mundiales que son momentos compartidos con familia, con amigos, picadita, asados, cábalas, empanadas, cerveza fría, albúm, figuritas, y la mano de dios. El mundial de cuando eras chico y tenías padre y madre y hermanos y perro, el mundial de la primaria, el de la secundaria, el de la universidad, el que ves con tus hijos, ya sin tu perro, y así. Cada cuatro años una fotografia colectiva abrochada a una ilusión. Que no es ganar el mundial, o si, también, accidentalmente lo es.

Y por ahí, como a mi, te pasa que estás viviendo lejos, creyendo que el terrunio, la patria y esas cosas son mariconeadas, inventos de los nostalgicos, de gente que no se adapta, que no sabe mirar para adelante. Y adoptas otra tierra, otra patria que generosamente te adopta, y te permeás de nuevas costumbres que hacés tuyas, nuevas comidas, nuevas formas de pensar y de moverse en el mundo, hablás otra lengua hasta con chistes, tu pasaporte cambia de color y creés que la transformación final está ultimada. Luego un día empieza el mundial y los colores de la celeste y blanca te entran por los ojos y te explotan en el pecho, causando un efecto que no te esperabas, y ves un partido arrollando los dedos de los pies para que el gol no entre, enojandote con el árbitro que no vió que lo había agarrado, te dan nerviós, te parás, das una vuelta, buscas una cerveza del frezzer, repetís las cábalas acumuladas con cada partido. Todo sin entender que pasa, pero sospechando que no es futbol, a no ser que el futbol sea también la necesidad de sentirse uno con todos los hijos de esa madre y ese padre que son la patria, de emocionarse, de gritar, de llorar, de abrazarse, festejar, acompañar, cantar, esperar, alentar, de tener una pasión, un amor, una ilusión.

 

 

Auguri mamma

Quando ho bisogno di un’amica

complice nelle serate di sigarette e stelle cadenti

Che mi ascolti senza giudicare

e mi doni la parola, giusta o meno, ma libera di seconde intenzioni

Dico il tuo nome, quello che per te scelsero i tuoi genitori.

Ma quando a volte mi sento piccola

per qualsiasi motivo sia

Anche se non ti chiamo perché sento che me la devo sbrigare da sola

Ti penso col titolo con il quale questa vita ci ha messo per mano, mamma

e mi guardi piena di fiducia

e sento che posso tutto.

Feliz cumpleaños

Mujeres / Donne

(GIU' IN ITALIANO)

En las películas o libros ambientados en épocas remotas, hay un escenario que siempre aparece, en la cual una mujer, que generalmente es la protagonista de alguna historia importante, está bajo los cuidados de otra mujer, que sería legalmente una especie de esclava, pero que en la intimidad del mundo afectivo de la protagonista es lo mas importante, una especie rara de madre-abuela-amiga-hermana que, aunque sea joven, por dentro es anciana conocedora de los tormentos y las pasiones que el corazón de los hombres y mujeres pueden albergar; escucha con paciencia, ve siempre mas lejos, es incondicional, y brinda los cuidados que una madre brinda a su niña pequeña. Le prepara el baño, le alista las ropas, le cepilla los cabellos, le prepara una bebida calda en las noches frías, la abraza en los momentos de dolor, asiste a sus partos,  se alegra mansa e intimamente por sus conquistas y sería capaz de matar si alguien intentara hacerle daño.

Quien sabe.. si alguna vez de verdad ésta figura existió, o si nos encanta aún hoy en cada relato por ser una necesidad arcaica de sentirnos protegidas, como arcaico es el dolor existencial que nos asalta de vez en cuando aunque objetivamente no tengamos nada por qué sufrir tan amargamente. Dulce sueño el de fantasear que en esos días en que el mundo se nos aparece como un circo sin sentido no seamos nosotras quienes tenemos que jalar las riendas mas que haya alguien que nos arrope, nos comprenda, prepare un baño,  perfume nuestras ropas, nos peine los cabellos tiernamente y nos diga que todo pasará, que todo irá bien, que no hay nada que temer y que volverán a amanecer ante nuestros ojos días llenos de sentido.

Nei film e nei libri ambientati in tempi remoti, c’è uno scenario che compare sempre, nel quale una donna, che spesso è la protagonista di una storia importante, si trova sotto le cure di un’altra donna, che oggettivamente sarebbe una schiava, ma che nell’intimità del mondo affettivo della protagnoista ha il ruolo più importante, una specie rara di madre-nonna-amica-sorella che, anche se giovane, dentro è anziana e conosce i tormenti e le passioni che il cuore degli uomini e delle donne può albergare; ascolta con pazienza, vede sempre più lontano, è indondizionale e dona le cure che una madre offre a la sua piccola bambina. Le prepara il bagno, cura i suoi vestiti, le spazzola i cappelli, le porta una tisana nelle notti fredde, l’abbraccia nei momenti di sconforto, assiste i suoi parti, festeggia intima e silenziosamente le sue conquiste e sarebbe capace di uccidere se qualcuno tentasse  farle del male.

Chi lo sa.. se veramente un tempo questa figura è esistita, o se ancora oggi ci incanta dovuto ad un bisogno arcaico di sentirci protette, come arcaico è il dolore essistenziale che ci assale di tanto in tanto anche se oggetivamente non avremmo motivi per soffrire così amaramente. Dolce sogno quello di fantasticare che in quei giorni, quando il mondo ci appare come un circo senza senso, non siamo noi a dover tirare le rendini, e che ci sia qualcuno che ci rimbocchi le coperte, ci capisca, prepari il bagno, profumi i nostri vestiti di lavanda, ci spazzoli i cappelli teneramente e ci dica che tutto passerà, che tutto andrà bene, che non c’è niente da temere e che tornera a comparire sotto i nostri occhi l’alba di giorni pieni di senso.

Reflexiones / Riflessioni

Hay momentos en la vida en los que uno quisiera una respuesta exacta, que además sea la correcta, momentos donde uno no quisiera tener que esperar que el tiempo sea maduro, ni que se vaya haciendo camino al andar. Yo al menos, no he tenido hasta ahora una buena relación con la incertidumbre. Buena noticia o mala noticia, pero la noticia quería.

Estoy entendiendo, lentamente y con fatiga, que es la vida misma quien se encarga de hacernos crecer, poniendono en situaciones que nos obligan a enfrentar nuestros miedos, nuestros límites. Y cuando digo entender me refiero no a las cosas que se entienden estudiando. Comprendí que hay cosas que se entienden abandonandose al presente, porque en realidad no hay mucho mas que hacer. Las memorias no resuelven, y el futuro es siempre incierto, aceptar el presente intuyo que sea la clave, la respuesta correcta. Aceptarlo con todo lo que trae, abrigando cada sentimiento.

Tanto se dice sobre “luchar por salir adelante”, creo que “salir adelante” sea algo parecido a nacer, para lo cual no hay que luchar, sino dejarse llevar por la fuerza de la naturaleza y acompañarla. Esta fuerza está en todos lados, en cada cosa que nos pasa, en cada respiro, en cada acontecimiento. Y creo que luchar, por ser fuerte, por negar el dolor, por negar lo indicios, por armar una coraza, sirva solo a complicar las cosas.

En éstos días mi hija Valentina ha cantado una canción, invintandome a tomarla de las manos y seguir la canción con gentos, que en español diría mas o menos así: “Y tira y suelta, tira, tira tira y suelta, tira y suelta, tira tira y suelta…. y dejalo ir..”. Con alegria, con amor, con tristeza, con estupor, con miedo, y con todo sentimiento que venga, creo que la clave sea  aflojar la prensa de la mente, abrir el corazón, y con amor y dejar que vaya.

============================

Ci sono momenti nella vita nei quali uno vorrebbe una risposta esatta, che in più sia quella gisuta, momenti dove si vorrebbe non dover aspettare che i tempi siano maturi, ne “hacer camino al andar”. Io al meno, non ho avuto finora un buon rapporto con l’incertezza. Buona notizia o cattiva notizia, ma notizia voglio.

Inizio a capire, lentamente e con fatica, che è la vita stessa a farci crescere, mettendoci in situazioni che ci obbligano ad affrontare le nostre paure, i nostri limiti. E quando dico capire non mi riferisco alle cose che si capiscono studiando. Ho realizzato che si sono cose che si capiscono abbandonandosi al presente, perchè in realtà non c’è n’è molto di più da fare. Le memorie non risolvono, e il futuro è sempre incerto, acettare il presente credo sia la chiave, la risposta corretta. Accettarlo con tutto quello che porta, accogliendo ogni sentimento.

Tanto si dice sul “lottare per andare avanti”, credo che “andare avanti” sia qualcosa di simile a nascere, e per farlo non c’è da lottare, ma da lasciarsi trasportare dalla forza della natura e accompagnarla. Questa forza è dapertutto, in ogni parte, in ogni cosa che succede, in ogni respiro. E credo che lottare, per essere forte, per negare il dolore, per negare gli indizi, per costruire una corazza, serva solo a complicare le cose.

Y questi giorni mia figlia Valentina ha cantato una canzone, invitandomi a prenderla per mano e seguire la canzone con i gesti, la canzone dice cosí: “E tira e molla, tira, tira tira e molla, tira tira, tira tira e molla…. e lasci andar…” Con allegria, con amore, con tristezza, con stupore, con paura, e con ogni sentimento avvenga, forse la chiave sia allentare la presa de la mente, aprire il cuore, fidarsi, e con amore lasciar andar.

Fatti sono amori

Ti confesso che, a differenza di quasi tutti gli articoli precedenti, questa volta non ho in mente niente di particolare da scrivere. E’ passato un po’ di tempo dal mio ultimo articolo, e poi la vita mi ha travolto in una valanga di stelline magiche, come quelle della fatina delle fiabe, e ho, e abbiamo, preso tante decisioni, o forse non tante, ma importanti, consistenti.

E così sono stata un po’ lontana da questo spazio che per me è una tisana fumante in queste sere di outunno, un angolo pieno di libri e cuscini, una moltitudine di persone immaginarie sulle quali fantastico vita opera e sentimenti.

Oggi però ho (ben?) pensato di rompere l’inerzia, essendo coerente con quanto dicevo a una artista con la quale stò lavorando. Le dicevo che anche la mancanza d’ispirazione può essere ispirazione, che si può scrivere, comporre, dipingere la frustrazione, il desiderio di ritrovarla, la curiosità di quale creatura verrà fuori, i ricordi dei momenti più ispirati, la fantasia di futuri momentidi ispirazione massima, e così via.

E penso che sia così anche nella vita, di tutti i giorni, nelle piccole cose, l’importante è fare, iniziare, una pennellata, un piccolo gesto, il moto sottile dell’inizio di una intenzione, il tentativo di un sorriso senza voglia, il lasciarsi andare ad una emozione, senza criticarla, senzaresistere, senza pensarla. Se tanto, anche quando crediamo di sapere, non è vero che sappiamo quale creatura verrà fuori..sono giochi che ci fa’ la certezza che di certo non ha molto. La vita è cambiamento, sorpresa, curve, stagioni.

L’importante è decidere qualcosa, e  fare. Non dire, fare. Dire poi aiuta, poetiza, ornamenta, ma come si dice in Argentina “Hechos son amores”, i fatti sono amori. Ma questo sará l’argomento di un altro articolo.

In tanto a te che mi leggi, grazie dell’attesa, grazie di essere ancora li.

Alla prossima

Notizia: gli autori abbiamo un cuore

Hanno fatto una ricerca su google con scritto: “Oggi non ho voglia di andare a correre”

Hanno trovato due aritcoli miei sulla corsa.

E ho deciso di scrivere questoarticolo.

Anche io seguo alcuni blog che mi piaciono molto, o faccio ricerca e trovo articoli di gente a me completamente sconocsiuta. A volte l’articolo mi è molto útile, altre mi piace tanto intero, altre una frase mi resta in testa, altre dico: mi legge nel pensiero!..insomma, tante volta provo qualcosa, ma come sicuramente fai tu la maggior parte delle volte, non lasccio nessun comento. Mi fa’ fatica, penso che è sempre tempo, poi devo pensare cosa scrivere, in più controllare l’ortografia, e a monte penso che tanto all’autore dell’articolo non è le interessi molto il commento frettoloso di una sconosciuta.

                                                                 

ERROR! e parlo al meno per gli autori come me, che abbiamo un cuore, siamo curiosi,scriviamo con passione, raccontandoci, che condividiamo sperienze, scoperte, incognite, problemi e possibilimente soluzioni, che mentre scriviamo sentiamo che per quanto solitario possa essere, e per quanto grande sia la goduria di questi momenti di intimità con i nostri pensieri, che si stampano sullo schermo al ritmo del rumore delle dita che scorrono, velocemente se c’è ispirazione, sulla tastiera, la scrittura è un esercizio a due, al meno. Tra i miei pensieri mentre scrivo ci sei anche tu, che ora sei davanti al tuo schermo, che forse stai cercando qualcosa, o sei solo una persona curiosa e io ti sono capitato per caso sotto gli occhi, o magari mi conosci e mi leggi. Chiunque tu sia ti dico GRAZIE di esserci, scrivere senza la tua presenza sarebbe come cucinare per nessun comensale.

So che questo che diró sicuramente  non segua una estrategia furba, di solito c’è più desiderio per chi si fa proprio desiderare, per chi sembra lontano dagli umani e infantili bisogni. Ma non importa, non mi è mai riuscito bene questo ruolo e comunque i risultati sono ottimi ;-). Se mendicare amore è repelente, chiederlo invece credo sia lecito e faccia bene, soprattutto se lo si stà  dando.

E quindi faccio il mio apello, che è anche un mio impegno con gli altri: Se avrai sentito qualcosa, se ti sarà piaciuto, se ci sará una frase che ti piacia, se avrai una critica construttiva, se vorresti chiedere qualcosa, fai cosí: annulla la censura, non pensare a fare il novel dei commentatori, e Lascia un Commento, scrivi quello che stai pensando, cosí, come se stessi pensando a voce alta. A me farà un piacere enorme. :-)

E già che ci sei puoi fare un’altra cosa: pensa se c’è qualcosa che desideri, che vorresti, della quale hai bisogno, e vai e bussa, chiedi, vai a prendertela. Tanto che c’è da perdere? Li in poltrona il no c’è l’hai già ;-)

Alla prossima

Non dipende da te che il treno sia in ritardo, ma si cosa fai nell’attesa

  Oggi ho preso un treno per andare all’ultima riunione in Ekis prima della pausa estiva. Arriva l’ora di partenza ed il treno non parte. Non parte neanche nei dieci, quindici, venticinque, trenta minuti successivi, finchè, quando la partenza aveva maturato un ben quaranta minuti di ritardo inspiegabile, al meno per noi lì seduti per benino, passa scheggiando la capotreno urlando, io sono riuscita a sentire “potete prendere quello per Genova delle 8:05 e “non sapiamo se e quando parte, ci sono problemi con le porte”.

Ok, non rifletto neanche un po’ e mi diriggo verso il treno consigliato. Peccato che non ci fosse nessuno in partenza per Genova :-D E nessuno ci sapeva dire se quello lì in partenza non ricordo per dove delle 8:05 avrebbe fatto tutte le fermate delle quali noi, viaggiatori inbuffaliti, avevamo bisogno. Ma fiduciosi saliamo lo stesso, logicamente era pieno, e quindi ci ammuchiamo negli spazi accanto ai servizi.

Nel mio metro quadro eravamo in quattro, io e due ragazze e un ragazzo, non avranno avuto più di vent’anni e stavano andando in vacanza, vestiti e gadgettati (passatemi il neologismo) per l’occasione. Sentivo i loro commenti, e se a vederli erano freschi, pieni di forza e di vita, a sentirli sembravano vecchi tre vite. “Ma insomma, siamo in Europa!”, urlava una col collo irrigidito, l’altro diceva: -“prossima volta prendo la mia macchina e mi faccio pure la coda ma ben seduto comodo e non in questo treno scadente”- , -“vergogna, vergogna, manca solo che adesso mi chiedano i soldi, figurati se glieli do”-.

Nel metro quadro subito accanto al nostro respiravano altre quattro persone, lei vestita con un completo rigato e camicia bianca, occhiali da sole enormi e i capelli messi in piega, sembrava un po’ agitata, ma non per il ritardo, sembraba pronta per un appuntamento importante, ma comunque anche lei si lamentava. E mentre osservavo tutta la scena, e sorridevo tra me e me, pensando quanto mi piaciono queste situazioni, sento le due ragazze peruviane, che avevo già sentito nel treno in ritardo. Stavano andando a lavorare nelle case al mare, come tutti i lunedi d’estate, per le famiglie per le quali lavorano a Milano, ed erano li, tranquille, sorridenti, che parlavano d’amore..si, d’amore, di sguardi, di parole dette e non dette, di  parole sentite, di gesti di tenerezza che le facevano sognare un futuro così bello come quella mattina di lunedì, piena di teneri ricordi..

Mi sono fatta un po’ li affari di tutti come avrari capito, ma non mi sono fermata li.  La Coach che è in me non è riuscita a trattenersi, e all’enessima sbuffata del ragazzo accanto a me gli chiedo: “Dove stai andando?” (intrusione nell’intimità di uno sconosciuto che da straniera mi posso permettere di fare facendo finta di non conoscere i codici di vicinanza) “In vacanza vado, dovevo iniziarla tra due ore e invece sono già in ritardo” allora gli ho detto: “Vuoi una buona notizia?: sei già in vacanza!! da oggi quando ti sei svegliato per prepararti e metterti quelle mutande verdi furioso che i tuoi pantaloni alle ginochia lasciano vedere chiaramente. Sei in vacanza! hai pure le cuffie al collo, mettile nelle orechie, scegli la musica che ti piace di più, e siediti qui, guarda, sulla tua valigia, ti faccio un po’ di spazio, e inizia a goderti il tuo tempo senza impegni”

Secondo me rideva ancora per la storia delle mutande, e insieme a lui le ragazze e tutti quanti. L’energia nei nostri due metri quadri è migliorata, e le ragazze peruviane, scometto quanto vuoi, stanno ora scivendo una lettera profumata di rosa dopo una giornata di lavoro, sognando il treno che venerdì le riporterà dal loro amore.

Non sempre siamo padroni delle situazioni che ci tocca vivere, ma siamo responsabili al cento per cento del modo in qui reaggiamo a queste situazioni. Possiamo fermare l’avalanga gelida ed affissiante di lamentelle, sbuffate, frasi fatte e labbra serrate, e possiamo abbandonarci alla vita, lasciarci cullare dal tempo e riempirlo di bei pensieri.

Alla prossima

Hoy domingo, a ustedes de aquel lado del charco


Gracias,

a las personas que poblaron mi infancia y la llenaron de amor y helados y plazas y río y juegos, bicicleta a la siesta y peleas y casitas de sabanas y palos. A quienes me dieron la libertad de  encontrar y cultivar mis pasiones. A los amores pasados, mal o bien que hayan terminado. A los amigos y amigas, hermanos y hermanas,  personajes adorables que me acompañan, desde mas o menos lejos, en la vida, y que daran color a los personajes del libro que ayer empecé a escribir.

Gracias por la filosofia barata y zapatos de goma, por las charlas al pedo y por aquellas fundamentales, salvadoras. Gracias por las críticas, la confianza, la música, los festejos y los libros recomendados. Los feriados, los abandonos, las nostaglias, los viajes, los cafés y los excesos. Gracias por el desayuno de muestra de lo que hubiera podido ser.

Gracias a todas y todos, una a una , uno  a uno, de los que han sido y son y serán parte de mi vida.

Gracias también a vos, país medio loco, infantil, inestable, inmediato, impulsivo, imperfecto, afectuoso, maltratado, malvendido, malcomprado.

Estár lejos aveces es relativo, sobre todo cuando uno tiene la costumbre de tomarse la vida un  poco como si estuviera jugando, y es feliz en cualquier lado. Otras veces es un poco menos relativo, y la distancia se hace visible, tangible, centímetro a centimetro de tierra y de oceano y de cielo. Y, dicho para que me entiendan, se extraña a lo perro. Se tienen ganas siemplemente de estár ahí, donde todo es tan familiar, tan normal, tan conocido. Y donde uno mismo es tan familiar, tan normal, tan conocido…

Soy feliz,  mi vida está llena de amor y hago casi siempre lo que me gusta…pero llueve, es domingo, y no hay asado.

Los quiero.

Mecha

Rendiamo felici i nostri figli

In questa parte del mondo, ormai poco abituata ai bambini, tante tra le  persone che non li hanno sentono fastidio, e tanti di quelli che li hanno, li chiedono veramente troppo e li danno cose che a loro non servono a scapito di quelle che occorrerebbero per farli crescere felici, per poi non capire come mai, una volta cresciuto questo bambino affiderà i genitori in difficoltà a qualsiasi altro tranne lui stesso.

Una cosa mi è molto sorpresa quando sono venuta a vivere qui, e non voglio abituarmici:  spesso i bambini vengono tenuti in carrozzina per non viziarli, quando il posto naturale dove stare sarebbe a contatto con la mamma, in braccio. E anche le nurseri in ospedale ti consigliano di mollarlo subito dopo averlo allattato perchè altrimenti si abituano alla bella vita e vogliono solo te.

Dopodichè vengono seduti sui passeggini a volte fino a 4 anni ed oltre, quando sarebbe il momento di imparare a camminarci accanto, e cosí sviluppare i loro muscoli e la loro mente, imparando come muoversi per strada, come salire una scala, come inciampare e non cadere, e come cadere della forma migliore. E mentre vanno nei passeggini, di inverno coperti con mini piumoni di modo che non li si gelino le gambe, legati a dovere, spesso li viene dato un biberón di cammomilla, un biscotto, qualcosa che li faccia stare buoni.

Le interazzioni che si sentono tante volte sono soltanto un milliardo di “bravo” (che ripetuto tante volte qualsiasi lo sentirebbe come una presa in giro) oppure: “come si dice? “Gra-zieee” e “Per favore”” perchè e molto imporante che siano educati prima ancora di poter parlare e di poter capire cosa stanno dicendo.

Li si porta al parco, ai giardinetti, perchè è doveroso farli prendere aria buona, ma non devono tocare niente, non devono giocare con la terra ne sporcarsi i vestiti. Meglio anche se giocano da soli, perchè gestire i rapporti con li altri bambini è troppo impegnativo, bisogna sempre mediare perchè litigano per lo stesso gioco, e se uno alza la mano la cosa può finire in una educatissima rissa tra le mamme che si danno a vicenda l’ordine di “educare meglio tuo figlio”, che ha magari un anno e mezzo!.

Se piove non bagnarsi, bagnetto ogni giorno, non urlare, non saltellare, non frignare, non fare capricci, copriti la bocca quando tossisci (tutto l’inverno, visto cosa respiriamo), tante formule di cortesia, e nei casi più disperati, se non fanno quello che dovrebbero, domande che iniziano con: “Ma sei cretino?, adesso le prendi”. “Non correre troppo perchè sudi” e “non arrampicarti perchè cadi”.

Alcuni condomini dichiarano in assamblea il fastidio che li produce sentire giocare i bambini in cortile, non sono graditi in ristoranti, casa di amici e alcuni hotel, e verrai nascosta in qualche sotto scala se oserai allattare, perchè quella tetta sarà più oscena di tutte le altre che vedi in esposizione ogni giorno.

Forse tu sei una mamma in questa linea, forse no, e comunque sia io ti capisco. Capisco che uno cresce i bambini in base a modelli che ha in testa senza saperlo, li acudisce come ha visto da piccola acudire fratelli, cugini, vicini. E vedo che in questa società è normale arrivare a 40 anni senza essere mai stato a contatto con un neonato. Quindi posso sinceramente capire le difficoltà, il bisogno di affidare le decisioni e le cure  a uno “esperto” a qualcuno che sappia più di te, quando la verità è che se ti lasci andare, nessuno sa meglio di te cosa serve a te e al  tuo bimbo.

L’Europa invecchia, e ci credo. E’ stata complicata troppo una cosa che doveva essere naturale, fisiologica, tramandata, e vissuta in modo colettivo, dove i figli sono un po’ di tutti, dove ricevono amore e cure da una gruppo di amici e parenti. E stata caricata di lozioni, creme, seggiolini, seggioloni, culle fisse e da campeggio, carrozzina, passeggino, umidificatore, ecc ecc.

Ma voglio andare oltre il capire.


Voglio fare qualcosa per vedere bambini più felici
. Dove non mancano il cibo ne i vestiti, dovrebbero solo giocare e ridere, litigare e fare pace, imparare a stare insieme, essere gelosi, e negoziare, sbuciarsi le ginocchia, e farsi coccolare per questo, sentirsi protetti al nostro fianco, sentirsi amati dal nostro sguardo, sentirsi adeguati, perchè lo sono, siamo noi che a volte siamo esauriti, loro sono nel giusto, perchè se non li abbiamo ancora spenti del tutto, fanno i bambini.

Voglio che tutti possiamo dare a loro alcune semplici regole, chiare, definite, limitate, dei “No” che facciano da contenitore, da limite di un mondo nel quale possano sentirsi liberi e protetti. Voglio che siamo capaci di sostenere questi limiti perchè non abbiamo più sensi di colpa. Perchè magari lavoriamo,  ma il tempo che passiamo con loro è così bello, così ricco, siamo talmente presenti in quei momenti, che non ci sentiamo in colpa, bensí sentiamo il desiderio di passarne ancora di più.

Voglio che nessuno abbia paura di coccolare e acudire i propri figli…non è vero che crescono viziati, o che non saranno indipendenti, o che lo farai mammone, o che dopo non potrai mai lasciarlo perchè sempre vorrà te. Non diventano insicuri o dipendenti per troppo amore, semmai il contrario.

Sappi che un bimbo di uno, due, tre, cinque, sette, nove anni, non è “grande”! a nessuna età. È sempre un bambino, capace, ad ogni età, di fare e di capire cose diverse, e con sempre una grandissima sensibilità, con un mondo dentro di intense emozioni che tu potrai aiutarlo a capire e gestire.

Basta una semplice regola per iniziare ad essere migliori genitori: trattiamoli come vogliamo essere trattati noi, e non facciamo a loro cose che a noi non piacerebbero.

Nella foto qui a sinistra c’è un libro che ho letto più volte, e che ti consiglio vivvamente, si chiama “Besame Mucho” di Carlos Gonzales.

Saró felice di sapere come la pensi, di poter aprire un dialogo su questo argomento, lasciami un commento.

Alla prossima :-)

La noosfera: il nostro abbraccio planetario / La noosfera: nuestro abrazo planetario

(MAS ABAJO EN ESPAÑOL)

Ti ho promesso nell’articolo precedente che ti avrei parlato della Noosfera, ed eccomi qua. Ti confesso che mi  sono complicata un po’ la vita con questa promessa, visto che è da giorni che leggo su questo argomento e prima di buttarmi a scrivere queste linee hai rischiato di trovarti un articolo academico con tanto di nomi e date.

Poi, stressata dal ritorno alla sensazione di “tema scolastico” ho pensato (vuoi per pigrizia, ma preferisco dire che per un colpo di genio letterario, così capisci quanto riesco ad essere indulgente con me stessa) che tutti questi dati potrai trovarli su google. Quindi se avari curiosità quando avrai finito di leggere questo articolo (capito? dovrai finirlo :-) ) potrai “googleare” (adoro i neologismi) “noosfera” tranquillamente.

Adesso grazie alla tua volontà di dedicare la tua attenzione e qualche minuto del tuo tempo a leggere questo artícolo, io ho il privilegio di farti salire sul mio sidecar (stavo per dire la mia moto, ma visto che non so guidarla potresti aver paura) e portarti a fare un giro attraverso i miei pensieri, attraversando le mie emozioni, forse qualche ricordo, e sicuramente qualche mio panorama futuristico. Ho la possibilità di condividere con te le mie immagini, che dalla partenza ti includono perchè scrivo per te che stai leggendo, posso condividere questo profumo di primavera appena iniziata che non ha un nome ma che tutti conosciamo, condividere il rumore che sento della gente che inizia a stare fuori nei bar sotto casa mia, il rumore della tastiera sotto le mie dita che vanno velocissime grazie al corso di dattilografia in seconda liceo, e il profumo della tisana che fuma sul tavolino (a momenti vorrei che fosse un cioccolato ripieno di mandorle :-D ). E quindi, in qualsiasi parte del mondo tu sia, ci sarà una risonanza di questo mio momento. Saremo in un certo modo collegati, e se sarò brava a scrivere, potremo vibrare per un momento sulla stessa lunghezza d’onda.

Bene. Questa non è la noosfera. :-D

Però in un certo modo mi aiuta a spiegarla in quanto spazio virtuale di una coscienza universale, dove tutto quello che è mente, coscienza, psiche, energia,  risuona. Concetto che richiama anche all’idea di Dio che ho “imparato” a scuola, e che al momento per falle nella transmisione non sono riuscita a sentire come qualcosa di spirituale  ma come l’occhio di un grande fratello cattivo. Ci stò ripensando ora che mi  sono incuriosita e  affascinata di questo concetto, e ti spiego perchè.

Anni fa’ ero un po’ diversa da come sono oggi, avevo la stessa sensibilità riguardo il mondo, ma con un senso d’impotenza che mi intristiva, pensavo che quello che io o tu potessimo fare non contava più di tanto, che il mondo va così e quelli che avrebbero il potere di cambiarlo sono altri, non tu o io.

Non staró qui a raccontarti tutto il percorso, ma tante cose sono cambiate, e tra le poche certezze che ora  ho, c’è quella di sapere che tutto conta, che tutti contiamo. Che se qualcuno diventa una persona migliore, se qualcuno ama, se qualcuno capisce qualcosa, la sua energia migliora, e la sua energia constituisce, insieme a tutte le altre,  l’energia che abbraccia il mondo come una mamma amorevole. E quindi la qualità di questa energia dipende direttamente da noi, siamo responsabili di questo stratto del nostro mondo tanto quanto ne siamo responsabili degli altri. Solo che non c’è una raccolta differenziata per i nostri pensieri e le nostre emozioni, non c’è comune al mondo così evoluto da farci pensare a queste cose.

Io ti propongo di pensarci. Nel mondo stanno succedenzo tante cose, e ci sono tante teorie sulle cause. Ci sono anche tante teorie sul futuro, da quelle apocalliptiche a quelle  dove “niente è mai successo e niente succederà”, che non è altro che un messaggio rassicurante per non cambiare niente e continuare a consumare.

Io non so chi ha raggione, l’intuizione mi dice solo che le cose stanno cambiando, e che noi dobbiamo cambiare. Cambiare fa paura, l’incertezza fa paura, ma quello che abbiamo fatto fino ad oggi stà dando risultati nefasti. Se vogliamo un futuro migliore dobbiamo fare qualcosa di diverso a quello che abbiamo fatto fino ad oggi, non possiamo pensare di poter cambiare i risultati senza cambiare la strategia.

Io ho preso la mia posizione, ho due figlie e sento il bisogno di fare qualcosa forte nella pancia. Faccio e farò tutto quello che posso per colorare la noosfera di tutti con i colori più belli, darò il mio contributo perchè l’energìa che ci avvolge sia vitale, come una brezza frizzante, profumata di primavera. E vorrei ispirare anche te a colorare e purificare la nostra noosfera. Per farlo dobbiamo solo andare avanti con la nostra vita ma in un modo consapevole, rendendo onore ai momenti, alle persone che ci stanno vicino, e quando i cattivi pensano a far la guerra, noi parliamo d’amore.

Ti sembro ingenua o sotto effetto di sostanze allucinogene? ottimo, il mio cervello le produce naturalmente e anche il tuo è capace di farlo. Basta entrare nella sintonia giusta e lasciar andare i tuoi pensieri, scollegarti dai momenti di rabbia, scolegarti dagli arroganti, scollegarti dalla televisione e collegarti consapevolmente a questa rete che formiamo tutti. Se tu stai bene sarà contaggioso, e  il mondo sarà un posto migliore. Io lo credo veramente. A maggio dell’anno scorso, quasi un anno fa’, facevo il corso più bello mai fatto a livello di crescita personale, e lì ho potuto realizzare che le persone, tutte insieme, vibrando nella stessa sintonia, guidati da persone coherenti e piene d’energia, possono veramente creare magia, e oggi penso anche che la crescita non è mai strettamente “personale”, se tu cresci, farai crescere gli altri attorno a te.

Adesso questo giro è finito, con calma  puoi scendere dal mio side car, stirare  le gambe (molto romantico ma un po’ scomodo). Io ti ringrazio di cuore della compagnia, e attendo curiosa i tuoi commenti

Alla prossima :-)

************************

Te había prometido en facebook que te iba a hablar de la  Noosfera, y aquí estoy. Te confieso que me compliqué un poco la vida con ésta promes, visto que hace días que leo sobre el argumento y ántes de lanzarme a escribir éstas lineas arriesgaste de encontrarte con un artículo académico con tantos nombres y fechas.

Después, estresada por el retorno a la sensación de “trabajo práctico” escolástica pensé (si querés por haraganería, pero prefiero pensar que por un golpe de genio literario, así entendés cuánto llego a ser indulgente conmigo misma) que todos éstos datos podrás encontrarlos en google. Por lo tanto si tendrás curiosidad, cuando habrás terminado de leer éste artículo (entendido? tenés que terminarlo :-D ) podrás “googlear” (adoro los neologismos) “noosfera” tranquilamente.

Ahora, gracias a tu voluntad de dedidar tu atención y algunos minutos de tu tiempo a leér este artículo, yo tengo el privilegio de hacerte subir a mi sidecar (estaba por decir mi moto, pero visto que no se manejar podrías asustarte) y llevarte a dar una vuelta a través de mis pensamientos, atravesando mis emociones, quizás algun recuerdo, y seguramente  un panorama futuristico. Tengo la posibilidad de compartir  con vos mis imágenes, que desde el vamos te incluyen porque escribo para vos que estás leyendo, puedo compartir este perfume de primavera recién llegada que no tiene un nombre pero que todos conocemos, compartir el rumor que viene de la calle, de la gente que empieza a estár afuera de los bares, el ruido del teclado bajo mis dedos que lo recorren rapidísimo gracias el curso de dactilografia en tercer año, y el perfume del té que larga humo sobre la mesita (por momentos quisiera que fuera un chocolate relleno de avellanas :-D). Y por lo tanto, en cualquier parte del mundo donde vos estés, habrá una resonancia de éste momento. Estaremos conectados en algun modo, y si seré buena escritora, podremos vibrar por un momento a la misma longitud de onda.

Bien. Y ésto no es la noosfera.  :-D

Pero en cierto modo me ayuda a explicarla en cuanto  espacio virtual de una conciencia universal, donde todo aquello que es mente, conciencia, psique, energía, resuena. Concepto que me recuerda la idea de Dios que “aprendí” en la escuela, y que en aquel momento, por fallas en la tranmisión no llegué a sentir como algo espiritual sino como el ojo de un Gran Hermano castigador. Estoy repensando en éstas cosas ahora que me ha dado curiosidad y fascinación éste concepto, y te explico por qué.

Años atrás era un podo diversa de como soy hoy, tenía la misma sensibilidad en relación al mundo, pero con una sensación de impotencia que me entristecía, pensaba que lo que vos o yo pudiéramos hacer no contaba mucho, que el mundo estaba así y que quienes tendrían el poder de cambiarlo eran otro, no vos o yo.

No me voy a poner aquí a contarte todo el recorrido, pero tantas cosas han cambiado, y entre las pocas certezas que ahora tengo, está la de saber que todo cuenta, que todos contamos. Que si alguien se convierte en una persona mejor, si alguien ama, si alguien entiende algo, su energía mejora, y su energía constituye, junto a todas las demás, la energía que abraza el mundo como una madre amorosa. Y por lo tanto, la cualidad de ésta energía depende directamente de nosotros, somos responsables de ésta capa del mundo tanto cuanto somos responsables de las otras. Solo que no hay una recolección diferenciada para nuestros pensamientos y nuestras emociónes, no hay en el mundo un municipio tan evolucionado que nos haga pensar en éstas cosas.

Yo te propongo que lo pienses. En el mundo están sucediendo tantas cosas, y hay tantas teorías sobre las causas. Hay también tantas teorías sobre el futuro, de las mas apocalípticas a aquellas donde “nada ha sucedido ántes, nada sucederá”, que no mas que un mensaje reasegurador para no cambiar nada y continuar con el consumo.

Yo no se quién tiene razón, la intuición me dice solo que las cosas están cambiando, y que nosotros tenemos que cambiar. Cambiar da miedo, la incertidumbre da miedo, pero lo que hemos hecho hasta hoy está dando resultados nefastos. Si queremos un futuro mejor, tenemos que hacer algo diferente de lo que hemos hecho hasta hoy, no podemos pensar en poder cambiar los resultados sin cambiar la estrategia.

Yo tomé mi posición, tengo dos hijas y siento fuerte en la panza la necesidad de hacer algo. Hago y haré todo lo que puedo para colorear la noosfera de todos con los colores mas bellos, daré mi contribución para que la energía que nos envuelve sea vital, fresca, perfumada de primavera. Y quisiera inspirarte también a vos para colorear y purificar nuestra noosfera. Para hacerlo debemos solo seguir adelante con nuestra vida pero de manera consciente, rindiendo honor a los momentos, a las personas que tenemos cerca, y cuando los malos piensan en hacer la guerra, nosotros hablamos de amor.

Te parezco ingenua o bajo el efecto de sustancias alucinógenas? óptimo, mi cerebro las produce naturalmente y también el tuyo puede hacerlo. Basta entrar en la justa sintonia y dejar fluir los pensamientos, desconectarte de los momentos de rabia, desconectarte de los arrogantes, de la televisión, y conectarte conscientemente a ésta red que formamos todos. Si vos estás bien será contagioso, y el mundo será un lugar mejor. Yo lo creo verdaderamente. En mayo del año pasado, casi un año atrás, hacía el curso mas hermoso que hecho a nivel de crecimiento personal, y ahí pude ver que las personas, juntas, vibrando en la misma sintonia, guiadas por personas coherentes y llenas de energía, pueden verdaderamente crear magia, y hoy pienso también que el crecimiento no es nunca estrictamente “personal”, si vos creces, harás crecer los demás entorno a vos.

Ahora la vuelta ha terminao, con calma podés bajar de mi sidecar, estirar las piernas (muy romántico per un poco incomodo, lo sé). Yo te agradezco de corazón por la compañía, y espero curiosa tus comentarios.

Hasta la próxima :-)

Post Navigation

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 25 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: